Regole

Il curling è giocato da due squadre di quattro componenti ciascuna.
I giocatori sono definiti a seconda dell’ordine di lancio: il primo è il LEAD, seguito dal SECOND, dal THIRD (terzo) ed infine dallo SKIP, che lancia per ultimo ed è il capitano della squadra.
Una partita consiste generalmente in otto o dieci mani chiamate END.
Ad ogni END ogni giocatore lancia a turno due STONES, alternandosi i propri tiri a quelli del giocatore corrispondente dell'altra squadra.
Mentre i primi tre giocatori a rotazione lanciano le stones e fanno azione di SWEEPING (azione di scopa), lo SKIP rimane nella zona della HOUSE per coordinare le strategie di lancio.
Quando è il turno di gioco dello SKIP, la sua funzione viene ricoperta dal THIRD, detto anche vice-skip.

Per lanciare una stone, il giocatore usa la HACK (staffa) per darsi una spinta e scivolare sul ghiaccio verso la HOG LINE.Prima di raggiungere questa linea, il giocatore deve rilasciare la stone.Se la stone non riesce a superare la hog line più lontana o supera la back line, viene tolta dal gioco.

Lo scopo del gioco è di posizionare le proprie stones all’interno della house il più vicino possibile al centro e comunque più vicine ad esso rispetto alle stones degli avversari. Per ottenere questo risultato possono essere eseguiti tiri di precisione (punti) o bocciate con lo scopo di rimuovere dal gioco le stones avversarie.
Alla stone viene impresso un movimento circolare che, se eseguito in senso orario viene chiamato in-turn o curl-in, se in senso antiorario viene chiamato out-turn o curl-out.

I giocatori che effettuano lo sweeping, cercano di indirizzare la stone verso il punto indicato dal capitano frizionando il ghiaccio immediatamente davanti alla stone in movimento. Il calore generato dallo sfregamento della scopa sul ghiaccio ne causa il momentaneo scioglimento di un sottilissimo strato della superficie permettendo alla stone di mantenere una traiettoria più rettilinea e mantenendo più a lungo la velocità di avanzamento della stone stessa.
Analogamente la scopa può essere utilizzata per pulire il ghiaccio da eventuali impurità che potrebbero alterare la traiettoria della stone.

Dopo che entrambe le squadre hanno lanciato tutte le otto stones a loro disposizione, viene determinato il punteggio. La squadra con la stone più vicina al tee (centro) riceve un punto per ogni stone che sia ad una distanza minore dal tee rispetto alla più vicina stone avversaria.
La squadra che non ha segnato punti nella mano ha diritto a tirare l’ultima stone nella mano successiva. Questo costituisce un vantaggio che è definito hammer.

THE RINK: il campo
Il campo di CurlingIl campo di curling, detto RINK, è una lastra di ghiaccio lunga 146 piedi (circa 44,5 mt) e larga 14 piedi e 2 pollici (4,75 mt) perfettamente livellata per permettere alla stone di scivolare col minor attrito possibile.


Molto importante per la preparazione del ghiaccio è il cosiddetto pebble, ossia uno spruzzo di acqua demineralizzata e nebulizzata che si ghiaccia al contatto della pista. Il pebble aiuta le stones a scivolare più velocemente ma, durante la gara, l’azione del pebble sulle stone può modificarsi a causa dell’erosione provocata dall’attrito.


Sul ghiaccio del rink, circa alle due estremità, sono disegnati due bersagli dette house (case) con un raggio di 6 piedi (1,88 metri). Il centro delle case, chiamato tee viene evidenziato dal punto di incontro di due linee: la center line che divide il campo a metà longitudinalmente e la tee line, po-sta a 16 piedi (4,9 mt circa) dal fondo della pista.
Sul campo, a 37 piedi (ca 11,3 mt), sono segnate altre due linee: le hog line. Gli anelli del bersagli sono definiti dal loro diamtro: 4, 8 e 12 piedi e si distinguono per il loro colore (blu, bianco e rosso).

 
Vicino al fondo della pista, a cavallo della center line, sono poste le hacks (staffe), utilizzate dai giocatori per avere un punto d’appoggio per il piede in occasione del tiro.

   

   

Sul sito ufficiale della WCF, si possono trovare le regole ufficiali del gioco e i regolamenti delle varie competizioni, aggiornati dall'annuale Assemblea mondiale che raccoglie i rappresentanti di tutte le Federazioni.

WCF - Rules & Regulations

 

I cookie ci aiutano a migliorare i nostri servizi. Visitando il sito ne accetti l'uso da parte nostra. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information